Le Castelas

Le Castelas
È la prima chiesa parrocchiale dedicata a Saint-Bardulphe. Esisteva già nel 1195 e figurava nella lista dei possedimenti dell'Abbazia Saint-André de Villeneuve.
Di stile romanico, rimaneggiata nel XVI secolo, il coro a volta data della prima metà del XII secolo. Il complesso dei dipinti murali particolarmente notevole risale al 1608. La navata centrale ha conservato l'acquasantiera, ma ha perso la vasca battesimale oggi nella chiesa del paese. Ha ancora due campane: quella ad ovest, fusa nel 1641, e quella a sud, nel 1954.

Nell'anno 1189, il vescovo Rostaing di Avignone dà la chiesa Saint Bardulphe all'abbazia benedettina Saint-André de Villeneuve. La cappella Nord era dedicata a San Alzias e la cappella Sud, da cui si entra attualmente, a Maria.
Ad agosto del 1562, i Luterani e i Calvinisti si impossessano della regione. Le chiese vengono distrutte. François de Beaumont, più conosciuto con il triste nome di Baron des Adrets, devasta il Sud Est della Francia. Noto per la sua crudeltà, gli si attribuiscono numerosi massacri e nella sua corsa per rifornire Montpellier assediata avrebbe distrutto le chiese di Saze e di Aramon. Gli incendi furono frequenti nel corso delle guerre di religione e soprattutto nell'ultimo terzo del XVI secolo. Alcuni storici pensano che il Castelas fu ricostruito con le pietre delle fortificazioni della città, distrutte per ordinanza di Richelieu nel 1623.
Tra il 1595 e il 1634, si susseguono piccoli lavori di restauro e il campanile fu costruito nella sua forma attuale. Nonostante questi lavori e le numerose domande degli abitanti all'abbazia Saint-André, la chiesa va in rovina.
Nel 1729, la cappella Saint-Joseph fu costruita per iniziativa di Pierre Palijay, notabile di Rochefort. Vi si celebra la messa finché la nuova chiesa Saint-Bardulphe o chiesa bassa (chiesa attuale) non possa accogliere i fedeli. Questa data segna il disamore per la chiesa di Castelas. Affittata ad agricoltori, serve loro da fienile e quando «l'acqua della città» arriva a Rochefort (1963-1964) la municipalità la trasforma in castello d'acqua. Rifornite dalla sorgente di Vaujus, cisterne di una capienza di 250 m3 alimentano le case, prima di essere demolite negli anni 1970. All'inizio del XXI secolo, Le Castelas divenne una sala per riunioni e spettacoli. Nel 2013, è stato iscritto nell'inventario dei Monumenti Storici e nel 2015 ha usufruito di un programma di restauro durante il quale sono stati messi in luce i dipinti murali.
Le Castelas
Montée de la vieille église
30650 Rochefort-du-Gard
Lingue parlate : Francese