PIAZZE TIPICHE
Mi réservo
Una visita
dal
Mi réservo
Sotto il sole di Provenza, le piazze sono un appuntamento immancabile dell’arte di vivere. All’ombra di un platano, cullati dal suono delle cicale, si assapora il tempo che passa…
AVIGNONE
Ogni piazza con una sua atmosfera!

«Ci vediamo in Place Pie?». Ad Avignone, finirete per sentire questa domanda retorica a fine giornata tra Avignonesi. Circondata dalle mura, la vita nel centro storico ruota attorno alle piazze e ognuna ha costruito la sua storia, la sua fama, la sua particolarità.

Lo avrete capito, Place Pie, con il sagrato orlato da caffè, bar e tavole calde, le Halles come fiore all’occhiello, è la piazza della festa e degli epicurei.

 

Anche in Place des Corps Saints c’è vita! All’ombra dei grandi platani e vicinissimo alla splendida chiesa di Celestini, les Corps Saints è il quartier generale degli attori durante le sere del festival, l’appuntamento dei gourmet che si incontrano negli immancabili ristoranti!
 

Si può proseguire fino a place Saint-Didier, un tempo piazza dei maiali come lo attesta una scritta incisa sul frontone di un palazzo. Una piazza come in un villaggio, con il bar principale, il Grand Café Barretta, il fruttivendolo, il macellaio e, ovviamente, la chiesa!

Risaliamo rue de la République per scoprire la parte centrale della zona entro le mura con la grande place de l’Horloge. Qui vi sono tutti i simboli di Avignone, il mosaico a terra e il motto della città (Inguibus et Rostro, con il becco e con le unghie). Nell’orologio del Municipio, due automi scandiscono le ore.
 

Un po’ più in alto, da non perdere, place du Palais des Papes. La si scopre con stupore all’uscita da un passaggio e di certo colpisce! Immensa piazza all’italiana, cede volentieri il passo al Palazzo, alla basilica Notre Dame des Doms e al Petit Palais.

Nel quartiere popolare della Carreterie, la place des Carmes è un incantevole angolino che consente ad Avignone di restare un villaggio. Con i mercati al coperto come nel XIX secolo, frequentata dal mondo teatrale tutto l’anno, propone ristoranti in cui è gradevole fare una pausa e vedere la città animarsi.
All’entrata della città, place Crillon con l’antico campo per il gioco della pallacorda è una delle piazze più «borghesi» del centro storico. Orlata da palazzi privati, è sede di uno dei più antichi uffici del turismo di Francia (l’Hôtel d’Europe che festeggerà presto i suoi 200 anni!); è una piazza dal carisma mondano dove ci si accomoda al sole per sorseggiare un frizzantino.

Da una piazza all’altra, ecco i nostri suggerimenti per visitare a piacimento un’Avignone inedita.